In materia di ristrutturazioni e di isolamento termico, non sempre si può intervenire all’esterno dell’abitazione. A volte, la presenza di facciate di un edificio vincolate, dotate di particolare pregio o semplicemente provviste di peculiarità tali da rendere impossibile un intervento, rende necessario il ricorso al cappotto interno al fine di isolare in modo adeguato un’abitazione. Una soluzione che può rendersi utile anche nel caso in cui si voglia isolare un appartamento sito all’interno di un condominio nel quale la maggioranza si dimostri contraria a un intervento di questo tipo. Perché vivere male e spendere magari cifre esorbitanti quando si può ricorrere al cappotto interno per limitare le spese della bolletta energetica? Se si vuole però scegliere la soluzione più adeguata alle proprie esigenze, è necessario rivolgersi a un tecnico qualificato, il solo in grado di rapportare l’intervento di riqualificazione alle condizioni reali del appartamento o dell’immobile oggetto dello stesso. Soprattutto se non si vuole incorrere in sgradite sorprese, che renderebbero vano l’investimento.

Il cappotto termico interno è un intervento complesso

Il cappotto interno presenta criticità maggiori rispetto alla soluzione esterna. Una volta che si sia arrivati alla risoluzione di isolare termicamente dall’interno, bisogna quindi accertarsi che vengano rispettate una serie di indicazioni ineludibili. A partire dalla scelta dei materiali isolanti, i quali dovrebbero essere normalmente di uno spessore tra i due e i sei centimetri, oltre i quali aumenta in maniera esponenziale il rischio di condensa, derivante dallo spostamento del punto di rugiada all’interno dell’ambiente. I materiali scelti dovrebbero inoltre essere igroscopici per gli ambienti abitati. Indipendentemente dal materiale scelto, è poi consigliabile una verifica termo igrometrica, rispondente alla normativa UNI EN 13788. Inoltre vanno attentamente verificati i ponti termici esistenti, soprattutto in considerazione degli effetti che può comportare su di essi l’isolamento termico dall’interno. Altro accorgimento di fondamentale importanza è quello relativo all’uso di barriere al vapore su ambienti residenziali, assolutamente da evitare, in quanto si bloccherebbe l’umidità in uscita con esiti disastrosi. Qualora la conformazione dell’edifico renda necessaria la barriera al vapore, essa non dovrà essere bucata, facendo molta attenzione che nella installazione di mensole o cucina non la si vada a intaccare. Infine sarebbe consigliabile usare prodotti isolanti di origine naturale per il nostro cappotto interno.

Per il cappotto interno è meglio ricorrere a un tecnico

Se ci sono piccoli interventi di ristrutturazione che si prestano anche al fai da te, non è certo il caso del cappotto interno. Proprio il rispetto degli accorgimenti di cui abbiamo parlato presuppone il consiglio di un esperto e il ripudio del fai da te, che può rivelarsi assolutamente deleterio, sino ad annullare i vantaggi del cappotto interno. I tanti punti critici presenti in questa particolare soluzione rendono necessaria una attenta pianificazione del cappotto interno e una serie di passaggi che possono essere affrontati solo da un tecnico in grado di indicare le soluzioni più idonee. La modifica delle condizioni idrometriche relative alla muratura, il pericolo rappresentato dalla condensa, la possibile diminuzione della superficie calpestabile e i rischi collegati all’isolamento dall’interno di ambienti molto umidi, rendono il cappotto interno una soluzione da adottare solo in stretto collegamento con chi è in grado di risolvere il tutto grazie all’esperienza accumulata in anni di professione. Fattori che vanno attentamente considerati prima di decidere di passare dalla semplice ipotesi alla realtà di un intervento che si preannuncia complesso e anche dispendioso.



Hai necessità di ristrutturare casa e incrementare l’isolamento termico della stessa? Richiedi online unpreventivo gratuto.

Ti occupi di isolamento termico e cerchi nuovi clienti?

 

In materia di ristrutturazioni e di isolamento termico, non sempre si può intervenire all’esterno dell’abitazione. A volte, la presenza di facciate di un edificio vincolate, dotate di particolare pregio o semplicemente provviste di peculiarità tali da rendere impossibile un intervento, rende necessario il ricorso al cappotto interno al fine di isolare…

Valutazione dell'articolo

Utilità - 93%
Pertinenza - 88%
Chiarezza - 88%

90%

Buono

Un buon articolo su cappotto interno

User Rating: 3.95 ( 1 votes)