Per il rifacimento o la ristrutturazione di un tetto il punto di partenza è la progettazione. Indipendentemente dai lavori che si desidera eseguire, occorre sempre tenere presenta che il tetto, vista anche la direttiva della Unione Europea sul risparmio energetico che l’Italia è stata invitata a recepire, è uno dei punti fondamentali sia di dispersione della energia termica che viene generata durante il periodo invernale dagli impianti di riscaldamento, sia di un aumento della temperatura in locali che vengono rinfrescati durante l’estate.

È quindi fondamentale, al momento del rifacimento del tetto, fare eseguire una corretta progettazione. Occorre infatti far valutare a un esperto i punti di maggiore dispersione, ovvero i cosiddetti ponti termici, che insistono sia sul tetto che in tutta la struttura portante dell’edificio per una corretta valutazione delle caratteristiche che deve avere il tetto per adeguarsi alla nuova normativa inerente il risparmio energetico.

La scelta dei materiali di composizione del tetto

Le possibilità sono tante e la scelta dei materiali di composizione del tetto dipende, ovviamente, dal tipo di tetto che si desidera avere o dai vincoli architettonici o paesaggistici che eventualmente sussistono sia nell’area in cui sorge l’edificio, sia da eventuali vincoli delle Belle Arti che sussistono sull’edificio stesso.

Progettare da zero il rifacimento di un tetto richiede competenze e professionalità specifiche, in quanto il rifacimento non si configura come opera di manutenzione ordinaria, ma richiede un vero e proprio permesso di costruzione.

Parimenti, nel caso di rifacimento totale del tetto, tale rifacimento dovrà essere conforme alle caratteristiche richieste dalla normativa sul risparmio energetico, pertanto è necessaria una valutazione a monte della capacità termica dell’intero edificio.

Attenzione ai requisiti per il rifacimento tetto

Ricordate di non improvvisare e non lasciare nulla al caso quando procedete alla ristrutturazione dei tetto. Esistono una serie di norme collegate al rifacimento del tetto che identificano, oltre ai requisiti di abbattimento dei costi energetici, i parametri entro cui deve essere rifatto il nuovo tetto e che vanno dagli ovvi requisiti legati alla sicurezza e alla stabilità di quella che si configura a tutti gli effetti come una nuova costruzione, ai requisiti legati alla immissione nella atmosfera di agenti inquinanti dovuti ai fumi dei gas utilizzati per il riscaldamento.

La necessità di rifacimento del tetto può essere spunto per modificare la struttura stessa del tetto, sostituendo parti della copertura con elementi fotovoltaici o con pannelli solari termici per generare acqua calda sanitaria.



Anche la installazione di pannelli solari o di pannelli fotovoltaici richiede ovviamente attenta e accurata progettazione e un calcolo preciso delle necessità energetiche dell’edificio.

Se hai bisogno di un esperto in ristrutturazioni e rifacimento tetto consulta dei preventivi gratuiti online

Per il rifacimento o la ristrutturazione di un tetto il punto di partenza è la progettazione. Indipendentemente dai lavori che si desidera eseguire, occorre sempre tenere presenta che il tetto, vista anche la direttiva della Unione Europea sul risparmio energetico che l'Italia è stata invitata a recepire, è uno dei…

Valuta l'articolo

Utilità
pertinenza
Chiarezza

Molto utile

Articolo molto utile

User Rating: 4.3 ( 2 votes)